Seleziona una pagina

Qual è il segreto di un business di successo?

Cosa rende una gelateria artigianale migliore di tutte le altre, catapultandola sulle copertine dei giornali e ai primi posti delle classifiche nazionali? Cosa spinge i clienti ad aspettare in fila pazienti il proprio cono, in trepida eccitazione?

La qualità, e sicuramente il marketing, un buon marketing.

Gelaterie di successo: questione di scelte

Alla base di ogni grande business c’è sempre un’idea geniale. Non importa che sia originale (ma vista prima), l’importante è che sappia raccontare, in modo diverso, quanto già comunicato da altri.

Basta guardare le classifiche. Le gelaterie di maggior successo non inventano nulla: comunicano in maniera diversa lo stesso messaggio, lo stesso prodotto e la propria passione per il gelato artigianale.

Le gelaterie migliori non sono guidate da imprenditori, ma da artigiani.

I loro prodotti sono caratterizzati da un forte legame con il territorio, un’attenta selezione delle materie prime, la capacità di combinare in modo innovativo ingredienti freschi e di stagione, valorizzando le eccellenze agroalimentari italiane, il tutto mixato con estro e creatività.

Non conta solo la qualità e bontà del gelato, ma la varietà e originalità dei gusti disponibili (anche insoliti, arditi o bizzarri), la professionalità del personale, la location e il design del locale.

All’interno della gelateria, inoltre, non devono mancare i posti a sedere (i clienti vogliono gustarsi il gelato comodamente e senza fretta), il wi-fi (così da spingere instagrammers e blogger, ma anche persone comuni a condividere i loro scatti online), una buona strategia social (parlando di gelato sano, naturale e associarlo a immagini accattivanti) e trovare il proprio gusto “di battaglia”, in grado di caratterizzare e distinguere il proprio brand dalla concorrenza.

Le migliori gelaterie di successo in Italia

Al primo posto tra le migliori gelaterie al mondo troviamo L’Albero dei Gelati, con tre sedi in Italia (Monza, Seregno e Cogliate) e una a New York, a Brooklyn. Secondo Travel 365, rivista di viaggi, si merita la medaglia d’oro grazie in particolar modo alle recensioni dei clienti, la bontà del gelato, varietà e originalità dei gusti, arredo e personale. Anche il Gambero Rosso ha premiato l’Albero dei Gelati, inserendola nella lista delle 300 gelaterie migliori in Italia.

Questa gelateria artigianale è in realtà una grande famiglia, che condivide una forte passione per la terra, le persone, le cose buone e naturali. Il gelato è realizzato con gli ingredienti migliori: biologici e a km 0. L’Albero dei Gelati, Presidio Slow Food, ha deciso infatti di selezionare solo i coltivatori più vicini possibile al laboratorio e negozio, incentivando le piccole produzioni agricole locali. Per i prodotti che tradizionalmente arrivano da paesi lontani, come cacao e spezie, la scelta ricade sul marchio Fairtrade – mercato Equosolidale. I gelati non conosco aromi, coloranti, conservanti, additivi o addensanti artificiali.

Un altro elemento di distinzione è l’attenzione per la natura: il packaging è biodegradabile al 100% e si dissolve in circa 47 giorni (coppette, cucchiaini, bicchieri e cannucce sono realizzate in PLA, Polimero di Acido Lattico, in altre parole: con amido di mais). Lo stesso rispetto per il pianeta è comunicato attraverso il ricorso a energia elettrica rinnovabile, sia per tenere online il sito web che per alimentare le singole gelaterie.

Accanto ai gusti più tradizionali, ogni settimana, L’Albero dei Gelati propone un gusto salato, come salmone, panna acida e aneto (perfettamente abbinabile ai formaggi) e lo zafferano (da abbinare al riso mantecato).

Un altro caso di successo è la Gelateria Soban, gelateria artigianale gourmet di corso Borsalino ad Alessandria, capace di dar vita a un prodotto artigianale italiano di alta qualità.

Anche qui il cavallo di battaglia è l’attenta selezione degli ingredienti: prodotti semplici, del territorio e frutta fresca di stagione (mai congelata), dalle fragole di Viguzzolo alle pesche di Volpedo, dalle ciliegie di Rivarone alle more di gelso della campagna Valenzana. Forte è la condanna verso l’impiego di qualsiasi tipo di base o semilavorato.

Il gusto preferito? Il gelato oro di Valenza, una crema al mascarpone con Amaretti Margherita decorata con scaglie d’oro alimentare.

La Gelateria Soban è famosa anche per la capacità di riprodurre i sapori tipici della Sicilia, come la famosa granita al limone.

E la gelateria Grom? Il primo negozietto nacque a Torino nel 2003: è piccolo, i dipendenti sono pochi, ma in un paio di mesi, le code superano già i 20 metri. E ben presto a parlare di Guido Martinetti e Federico Grom è Carlin Petrini: il fondatore di Slow Food.

Il claim è semplice: “Il gelato come una volta”. L’obiettivo dell’azienda è quello di produrre un gelato puro, autentico, 100% italiano.

Il gelato Grom è infatti realizzato con latte fresco, uova di galline allevate a terra e frutta fresca matura di stagione, senza coloranti, aromi o emulsionanti. Il gusto (e il colore) del gelato è dato dalle materie prime, selezionate con cura a seconda della stagionalità e disponibilità, rispettando le peculiarità tradizionali di ogni territorio. Alcuni esempi? Il Limone di Siracusa Igp, il gelato al Torrone Barbero d’Asti, il gelato al caffè Guatemala e ancora il sorbetto al cioccolato Ecuador.

Grom è inoltre attento alle esigenze dei celiaci: coni e biscotti sono realizzati da una bakery interna con alimenti naturalmente privi di glutine, che segue una ricetta coerente con la sua filosofia (approvata da AIC, Associazione Italiana Celiachia). La priorità è infatti data alla qualità degli ingredienti, non al loro numero (o, peggio ancora, al prezzo). I prodotti da forno sono realizzati con una particolare varietà di mais, macinata nel mulino a pietra di Guido Marello. Tutti i gelati sono privi di glutine ed il consumo è sicuro per ogni celiaco data la totale assenza di possibili fonti di contaminazione all’interno dei punti vendita.

Passione, qualità e impegno ripagano. Da Torino, Grom ha fatto tanta strada: oggi è presente in altri otto paesi: da Hong Kong a Los Angeles, da New York a Dubai a Osaka, con un unico obiettivo: portare il gusto del vero gelato italiano nel mondo.

 

Se anche il tuo sogno è quello di aprire una gelateria artigianale di successo, devi però partire dalle basi con corsi specifici. Solo in questa maniera potrai prendere in mano le redini della tua vita ed avviare un percorso che ti regalerà successo e soddisfazione.