DIVENTA FAN

infoline info@timelab.it

Studio Atlas Business

House concert con i Guignol a Pescara

  • prezzo: a partire da 200€
  • attivazione su richiesta

Saldamente (si fa per dire) nelle mani di Pier Adduce, leader fondatore e ideatore di testi e musiche di quasi tutta la produzione del progetto, il nuovo "ORE PICCOLE" si avvale della nuova line-up che vede Enrico Berton ai tamburi, Stefano Fascioli al basso e Davide Scarpato alla chitarra e al violino elettrico e la produzione nuova di Giovanni Calella, musicista e arrangiatore/produttore artistico per progetti come Kalweit and The Spokes, Adam Carpet, Alessandro Grazian ecc...

Varie le collaborazioni live tra il 2014 e il 2015, tutt'ora in corso con artisti quali Julitha Ryan (AUS) (Hugo Race, Silver Ray, Mick Harvey...) e Salvo Ruolo (Cesare Basile, Sacri Cuori ecc...)

Guignol:

Pier Adduce: voce e chitarra

Enrico Berton: batteria

Paolo Libutti: basso

Raffaele Renne: chitarra

">Video 1 Video 2 ">Video 3


Per informazioni scrivi a concerti@timelab.it oppure

slide

House Concert, ovvero il live a domicilio. Di che si tratta? Se hai uno spazio o una casa sufficientemente accogliente puoi prendere in considerazione l’idea di passare una serata decisamente atipica, ospitando un concerto o una performance. In versione acustica, ovviamente… Avrai tutti i vantaggi di avere un contatto con il musicista che più diretto non si può. Come avere il backstage nella cucina di casa tua.

L’importante sarà creare un’atmosfera rilassante, attenta e familiare e a fine concerto gustarsi il piacere di chiacchierare con gli altri spettatori che inviterai tu e gli artisti, ciò che normalmente non avviene quando c’è un palco a creare una divisione.

La formula è semplice: se pensi di poter mettere a disposizione casa tua o di qualche tuo amico, contattaci e dopo una chiacchierata formuleremo un preventivo ad hoc e verificheremo le possibili date.


I Guignol Nascono nel ’99 mescolando influenze blues, folk a echi di chansonnier francesi e italiani, assumendo col tempo una sempre crescente fisicità e irruenza ritmico-rumoristica, tra intense ballate e sfuriate punk-blues. Band che vede dalla sua una frequente attività live italiana ed estera. Con l'album "GUIGNOL" (2005) rappresentano una visione insieme interiore e lucidamente critica del vivere il presente in una realtà urbana decaduta come quella di Milano e più in generale del Paese, un album di rock figlio diretto di un “blues” malato, intriso di rumorismo, minimalismo e intimamente vicino al rock d’autore più rabbioso e malinconico. Nel luglio 2006 partecipano al festival “ArezzoWave”, presso lo Psycho Stage, come ospiti della rivista “il Mucchio Selvaggio”. In seguito all’ottimo riscontro di critica per l’omonimo album, i Guignol riceveranno un riconoscimento tra le rivelazioni cantautorali al MEI di Faenza. Ospiti del lavoro seguente saranno Giancarlo Onorato (anche produttore artistico) e Amaury Cambuzat (Ulan Bator, Faust, ecc..).

Con “Una risata ci seppellirà” (2010) imbracciano le armi della satira e della parodia,dentro e contro il conformismo e i luoghi comuni, la propaganda di regime, il populismo becero da videocrazia. E' una risata grassa e amara su una disfatta umana e culturale, un arrivederci (forse) in un futuro migliore o perlomeno diverso. Al disco partecipa anche Cesare Basile.

Nel 2012 esce il quarto album dei Guignol , "ADDIO CANE!", che è un viaggio-esplorazione nel “mezzo del cammin di nostra vita” anagrafica e artistica, tra gli effetti del pm10 e vaghe visioni oniriche, dalle periferie urbane come dai molti, possibili, luoghi della mente. Si conferma l'attitudine dei Guignol a creare un ibrido tra canzone d'autore, punk, blues e pop sbilenco con alcune sortite rumoristiche o di sonorizzazione di tipo teatrale, cinematografico.

I GUIGNOL ripartono nel 2014 con un nuovo ciclo, una band rinnovata e una nuova produzione, mantenendo però un filo ideale col passato recente.